Avevo 5 anni quando l’unica cosa che volevo indossare erano gonne di tulle, obbligatoriamente ampie, perché quando volteggiavo giravano con me e “diventavano larghe”. Questo è quello che strillavo a mia mamma, che imperterrita mi metteva salopette di jeans (che attualmente adorerei) con sotto pile infeltriti riciclati da mia sorella. Il tutto corredato da calzino giallo sbiadito e ballerina di vernice nera, unica cosa di cui andavo fiera.

D’altronde erano gli anni Ottanta.

Oggi all’età di 27 anni sono una fashionista incallita, ancora amante del tulle. Ma una fashionista “dei poveri”. Adoro la moda e la sensazione orgasmica di quando stai uscendo dal negozio con il sacchetto stracolmo di roba, la maggior parte della quale totalmente inutile, e il bancomat (sì il bancomat, perché la carta ho scelto volontariamente di non averla per evitare stragi in famiglia) ancora caldo.

Ho visto settordici volte tutte le serie di Sex and the City, di cui posso citarvi a memoria ogni battuta, e non me ne vergogno. L’outfit di Carrie che ho più adorato, presente in una delle immagini sotto, è stato quello che sfoggia nel secondo film, quando le girls vanno a fare shopping al mercato di Abu Dhabi e lei indossa una maglia J’adore Diore nera, una gonna di taffetà lilla e porta gli occhiali da sole su una stecca, quella delle maschere per capirci (del resto chi non andrebbe al mercato vestita così?).

Nella casa che sto arredando con il fidanzato, poi, la cabina armadio è la seconda stanza più grande dopo il salone.

Ma non sono una fashion editor (almeno sino a ora), non sono l’assistente di nessuna Miranda Priestley, e non sono mai stata a una Fashion Week (cosa che spero accada quanto prima). Sogno Manolo Blahnik e Stella McCartney, ma faccio shopping da Zara, su Asos e Topshop.

Insomma sono una che segue la moda per pura passione; sfrenata passione direi.

Ma sono anche una a cui piace scrivere (e parlare) di qualsiasi cosa, motivo per il quale ho deciso di chiamare questo blog Non solo fashion, perché potrà capitare che qualche volta i post tratteranno di argomenti che (almeno in apparenza) non sono strettamente legati alla moda.

Perciò, amiche modaiole e non solo, stay tuned e w H&M!