Ormai manca poco, anzi pochissimo, molti di noi stanno già crogiolandosi al sole di qualche spiaggia (nostrana o esotica poco importa, basta fuggire dalla giungla d’asfalto della città), altri ancora stanno chiudendo le valigie, buttandoci dentro in maniera più o meno ragionata parei, costumi, sandali, protezione solare etc etc.

C’è chi invece (come la sottoscritta) rimarrà nell’afosa metropoli ancora per un po’ e già si angustia sul dilemma fondamentale: che costume mi porto quest’anno?

Io, dopo innumerevoli dubbi e prove in orribili camerini  (perché hanno delle luci così impietose? Non disincentivano le vendite?) ho trovato il mio trend per quest’estate: lo swimwear vintage.

Interi e due pezzi dal sapore retrò, con tanto di ruches, righe e pois vezzosi e un bel cocktail di stampe old style, palme lussureggianti, maxi fiori, fenicotteri in stile “Carlifornia Girl”.

E poi nasconde dove serve (sante culotte a vita alta), enfatizza i punti forti (balconette effetto push up), insomma una vera panacea e una bella boccata d’aria per il buon gusto.

Perché, diciamolo, non è che la spiaggia sia proprio la patria dello stile, soprattutto dopo lo sdoganamento massivo del bikini “brasiliano” che starà bene giusto a qualche sedicenne con glutei di marmo e che invece viene indossato senza remore (e pudore) anche da chi la sfida contro la gravità (del lato B) l’ha persa da qualche decennio.

E invece, grazie alla rinnovata moda degli anni Cinquanta (dal 3 all’11 agosto c’è anche il Summer Jamoboree Festival a Senigallia, tutto dedicato al mitico decennio) ecco spuntare su qualche spiaggia look decisamente retrò e molto chic.

Spulciando su vari shop online si trova parecchio: da Asos a Topshop è tutto un trupidio di culotte e top effetto bustier cosparsi di maxi fiori. Se il floreale è la vostra ossessione allora è semplicemente perfetto il modello di Dolce&Gabbana: lo indossate e vi sentite in un lampo Sofia Loren! Il sito inglese di Anthropologie è l’ideale, il mio preferito nella loro sezione “Costumi” è quello con tamburi stampati nei toni del blu.

Anche Urban Outfitters “se la gioca bene” con modelli con stampe “girlie” divertenti e super trendy. Spulciando su Netaporter e Mytheresa ci sono i modelli di Lanvin e Rosamario (marchio americano molto cool) decisamente Fifties.

Se invece preferite gli interi allora date un’occhiata a Zalando: per le minimaliste c’è il modello di Tommy Hilfigher in blu con profili bianchi tres-chic, mentre per le fan dello stile Brigitte Bardot c’è quello di Morgan, tutto a quadretti Vichy… Insomma, a voi la scelta!