Natale è alle porte ed è consuetudine che sul 99% delle riviste mensili e settimanali, quotidiani e blog vengano stilate liste di consigli per chi non ha la più pallida idea di cosa mettere sotto l’albero per, tenetevi forte, e leggete tutto d’un fiato: il suo Lui, la sua Lei, mamma, papà, nonno, nonna, bimbo, bimba, figlio adolescente, amico vegetariano, amico vegano, amico geek, amico foodie, collega simpatico, collega antipatico, capo (sempre simpatico), cane, gatto, pesce rosso!

Non sappiamo voi, ma noi di Caje tutti gli anni ci troviamo a pregare che nessuno dei nostri cari a corto di idee decida di seguire i consigli di questi simpatici, ma perfetti sconosciuti stilatori di liste, e allora abbiamo deciso di tornare un po’ bambine e di rivolgerci direttamente alla fonte!

 

Caro Babbo Natale,

D’accordo, non siamo più alte un metro, non portiamo più i codini e non siamo più ossessionate dalla Barbie, ma in te ci crediamo sempre. E allora, sperando tu non sia già in viaggio, abbiamo pensato di inviarti quasta letterina (elettronica, sia chiaro, che non si sa mai con le Poste Italiane e la Royal Mail!). Nel caso tu abbia già caricato la slitta e sia già lassù, in cielo, a sfiorare le stelle e la luna, saremmo felici di fornirti i numeri di telefono dei nostri mariti, nel caso si trovassero a corto di idee. Buon viaggio e buon Natale!

Camilla e Jeanne

lettera babbo natale