Fino al 22 novembre 2015 è di scena a Venezia, presso l’abbazia di San Gregorio, la mostra Becoming Marni. L’evento termina il percorso di appuntamenti creati da Marni Prisma per celebrare i vent’anni del brand e della sua musa ispiratrice Consuelo Castiglioni.

Un progetto poliedrico, come lo è l’universo di Marni, che ha coinvolto città e continenti diversi, a partire dall’inaugurazione il 21 settembre 2014 a Milano del Flower Market, coinciso con la Milano Fashion Week. In quel giorno la Rotonda della Besana si è trasformata in un coloratissimo mercato dei fiori, che da sempre appartengono al linguaggio espressivo della stilista, declinati in stampe e ricami. Un evento dove natura, moda e design hanno convissuto in perfetta armonia. 24 ore di vita di una piccola città cangiante e frenetica all’interno di una metropoli.

becoming marni 02

Dopo Milano è stata la volta del Roof Market sospeso tra il cielo e lo skyline di Hong Kong e in aprile del Blossom Market a Tokyo, ospitato presso il Light Box di Aoyama. Un’esperienza avvolgente incentrata sulla video installazione creata dall’illustratore Brian Rea, che da anni collabora con il New York Times, e dal video maker Pablo Delcan. Un cortometraggio onirico sul viaggio lungo un anno del progetto Prisma. Una favola delicata e femminile che assomiglia ad un “Alice in Wonderland” in chiave contemporanea.

becoming marni 03

E ora, in concomitanza con la 56 Biennale d’arte, Becoming Marni è l’occasione per presentare gli affascinanti lavori dell’artista brasiliano Véio. Spuntano sulla laguna cento sculture di legno ludiche e coloratissime, un caleidoscopio di forme zoo-antropomorfe in un paesaggio fantastico. Un sogno dove linguaggi espressivi diversi, quelli di Marni e Véio, dialogano insieme per raggiungere l’essenza dell’estetica che li accomuna. Un traguardo importante che guarda al futuro attraverso dinamiche poetiche assolutamente nuove, ma sempre spontanee e raffinate. In puro stile Marni.

Photo credits: @marni.com