Ho scritto su Google: come vestirsi per andare a scuola.

Fra i 589 mila risultati, fra post, consigli, video ecc. mi ha colpito questo:

Ciao ragazze, bé ok lo so la scuola nn è un posto dove andare in tiro… ma mi piacerebbe essere sexi carina e quasi perfetta”. Scritto esattamente così.

Io sono sconvolta. Ok sì, forse è una polemica che neanche mia nonna e mi sembra evidente che sto invecchiando, ma a voi questa cosa sembra normale? Che a scuola si voglia essere carine per un ragazzo che ci piace, o per fare colpo in generale ok, l’abbiamo fatto tutte ed è la cosa più normale del mondo.

Fare tardi al mattino perché non si sa cosa mettere l’abbiamo fatto, per truccarci anche.

Ma sono sicura che nessuna di noi mirasse ad essere più che bella, sicuramente non sexy, assolutamente non perfetta.

Ma soprattutto noi, quando andavamo a scuola, avevamo bisogno dei tutorial di quattro squinzie, magari anche più giovani, che ci dicevano cosa metterci, come truccarci, quali colori abbinare.

Il discorso sul mondo delle apparenze, su quanto i ragazzi di oggi badino più alla forma che alla sostanza ve lo risparmio e non ci compete.

Quello su cui voglio puntare l’attenzione è lo scempio a cui assistiamo se passiamo davanti ad una scuola alle 8 del mattino soprattutto in estate: spalle nude, pance idem, per non parlare di quando le ragazzine con quegli orribili pantaloni con vita giro passera si piegano in avanti. E poi piercing ovunque, cappellini come se non ci fosse un domani e tatuaggi idem.

Ora, sapete bene che la sottoscritta è una fan e accanita amante dei tatuaggi, e che ovviamente niente e nessuno può essere giudicato da un piercing alla lingua o su un sopracciglio.  Vaderetro.

Ma ad ogni contesto corrisponde un abbigliamento specifico, e così deve essere.

Non andremmo mai al matrimonio di una nostra amica vestite di bianco, sappiamo bene che ci toglierebbe il saluto e forse ci darebbe anche un po’ di colore con un bell’occhio nero.

Per questo stesso motivo a scuola non si va semi nude, non ci si mette il rossetto rosso, via il cappellino per i maschietti e soprattutto non si va con i tacchi: Serena Van der Woodsen e Blair Waldorf sono finte! Perciò no al tutorial “Copia il look delle star di Gossip Girl”.

Essere carine si, ridicole no. E ragazze fidatevi, anche agli occhi di colui che volete conquistare, se vi presentate a scuola con tacco 12 non sarete apprezzate come credete.

Quindi l’unico consiglio che vi posso dare per la scuola è carine ma naturali: felpe, maglioni, leggins, camicie, jeans, stivali avete un sacco di valide alternative con cui basta giocare un po’ per essere subito belle e originali.

E per favore, per piacere, per pietà niente linee di eyeliner dello spessore di 1 cm o terra Snooki style. Soprattutto sul trucco la parola d’ordine è naturalezza: il trucco c’è ma non si vede.

E se forse il telegiornale evitasse di fare servizi sull’argomento abbigliamento scolastico, si eviterebbe di puntare l’attenzione su una cosa del tutto superficiale.

Come direbbe il milanese imbruttito. Ma puoi?